La condizione dei rifugiati e degli sfollati interni siriani

Pubblichiamo la traduzione di un articolo sulla condizione dei rifugiati siriani che, lontano dall’essere risolta, colpisce ancora 13 milioni di persone, che vivono da sfollati soprattutto nei paesi limitrofi, solo il 3 % è stato accolto nei paesi ricchi, con esigenze primarie di sostentamento e di salute non soddisfatte. Ma le condizioni della Siria non sono affatto sicure e non presentano una realistica prospettiva di miglioramento e così il piano per far rientrare 1,5 milioni di persone è miseramente fallito……..

Titolo originale: “Durable Solutions / Refugee and Internally Displaced Persons (IDPs)” – Fonte: Humanity & Inclusion, Febbraio 2019  —  Website: http://www.hi.org  —  Blog: http://blog.hi.org


Nel 2018, il governo siriano ha riconsolidato il controllo sulla maggior parte del territorio siriano e ha iniziato a chiedere che la sua popolazione tornasse a casa. A sostegno di questa chiamata, la Federazione russa ha lanciato un’iniziativa internazionale a luglio per organizzare il ritorno di 1,5 milioni di rifugiati dal Libano e dalla Giordania.

Nel frattempo, un’indagine condotta dall’UNHCR, nel luglio 2018, nei paesi confinanti sull’intenzionalità del ritorno ha mostrato che l’85% dei rifugiati siriani non intendeva ritornare in Siria nei successivi 12 mesi.  Tuttavia, nel 2018 ci sono stati 56.047 ritorni spontanei verificati dall’UNCHR, che rappresentano un aumento del 10% rispetto al 2017. I principali motivi selezionati dagli intervistati che non intendevano rientrare sono stati la mancanza di certezze e di sicurezza in Siria, con gli intervistati che hanno evidenziato il rischio di violenza indiscriminata o rischi di rappresaglie mirate come ostacoli chiave, mancanza di opportunità di sostentamento e abitazioni inadeguate. Tra coloro che intendono rientrare, il 51% ha affermato di non disporre di informazioni sufficienti sulla propria area di ritorno prevista. Allo stesso tempo, la speranza degli intervistati di poter tornare in Siria un giorno è significativamente aumentata dal 51% nel 2017 al 76% nel 2018. 

Ritorni di principio

Le condizioni in Siria attualmente non favoriscono il ritorno volontario in sicurezza e dignità. Ad agosto 2018, c’erano ancora 6,1 milioni di sfollati in Siria, con una media di 6.550 persone sfollate ogni giorno. Ad esempio, mentre 119.698 IDP sono tornati nelle loro aree di origine a dicembre 2018 (), durante quel mese ci sono stati anche 58.549 nuovi spostamenti di IDP. Fintantoché le soglie di protezione dell’UNHCR e i parametri per il rientro dei rifugiati in Siria non saranno rispettati, le organizzazioni umanitarie e la comunità internazionale non dovrebbero promuovere, né partecipare direttamente a operazioni di rimpatrio organizzate su larga scala.I rifugiati e gli sfollati interni hanno il diritto di tornare, e possono esercitare il loro libero arbitrio per fare così se questa è la loro scelta. Quando o se i rimpatri sono auto-organizzati, gli attori umanitari dovrebbero impegnarsi nella pianificazione, monitoraggio, consulenza, orientamento al servizio e consapevolezza dell’apprendimento del rischio tra le popolazioni di ritorno.Il governo della Siria, i paesi ospitanti e altre autorità competenti hanno la responsabilità primaria di creare condizioni favorevoli ai rimpatri, con un ruolo complementare svolto dalla comunità umanitaria. La comunità umanitaria dovrebbe sempre cercare la complementarità con i portatori di interesse.I paesi ospitanti dovrebbero garantire un accesso continuo ai servizi di base (istruzione, salute, mezzi di sostentamento) per i rifugiati nei loro paesi – con il sostegno di donatori internazionali e attori umanitari. Gli attori umanitari dovrebbero essere in grado di accedere e fornire assistenza a tutte le popolazioni vulnerabili.

Preoccupazioni urgenti

■ Anche se i siriani cominceranno a tornare in Siria quando saranno presenti le condizioni, molti rifugiati rimarranno nei paesi vicini per gli anni a venire. I servizi e le infrastrutture dei governi ospitanti sono stati sottoposti a continue pressioni negli ultimi otto anni e dovrebbero essere meglio sostenuti e rafforzati.

■ Il reinsediamento è probabilmente la forma più tangibile e diretta di condivisione della responsabilità da parte della comunità internazionale. Alla conferenza di Bruxelles dell’aprile 2017, i donatori hanno riconosciuto “il ruolo fondamentale del reinsediamento (…) di offrire, insieme ad altri percorsi legali, un accesso sicuro e dignitoso alla sicurezza oltre la regione più vicina”. Tuttavia, l’anno scorso ha visto un drastico calo del numero di rifugiati dalla Siria a cui è stata offerta questa opzione, con una riduzione dei fondi dell’UNHCR che sono diminuiti di oltre il 50% rispetto al 2016, dato che il crescente contraccolpo politico che ha colpito i paesi occidentali e l’attenzione politica sulla Siria è passata ai rifugiati di ritorno. Le opportunità di reinsediamento per le persone con disabilità sono ancora più limitate. La loro discriminazione è infatti una preoccupazione nelle politiche di reinsediamento dei paesi di accoglienza, in quanto i paesi tendono a limitare l’ammissione di rifugiati con disabilità che incolpano dell’onere sui sistemi sanitari e sociali del paese.

Raccomandazioni

Tutte le parti interessate: donatori, attori internazionali (incluso l’UNHCR e altre agenzie delle Nazioni Unite) e le parti interessate dovrebbero:

■ Non incoraggiare prematuramente i rientri di rifugiati o di sfollati interni (IDP) all’interno della Siria;

■ Garantire che le soglie e i parametri di protezione dell’UNHCR per il rientro dei rifugiati in Siria siano gradualmente attuate;

■ Diffidare dei progetti di sostegno che potrebbero creare fattori “push” e “pull” nei confronti dei rimpatriati, come incentivare l’assistenza umanitaria per i rifugiati che sono legati al rientro in Siria dal Libano o dalla Giordania;

■ Non incoraggiare i ritorni in aree contaminate da pericoli esplosivi e non sicure, fino a quando gli sminatori non potranno accedere;

■ Finanziare adeguatamente la risposta umanitaria:

– Aumentando le promesse di sostegno allo sviluppo bilaterale e multilaterale ai paesi limitrofi che è specificamente mirata a sostenere sia i rifugiati che le comunità di ospiti vulnerabili e seguire gli altri impegni presi alle conferenze di Londra e Bruxelles.

– Finanziare appieno gli appelli di aiuto per la crisi siriana, come il piano di risposta umanitaria e il piano regionale per i rifugiati e la resilienza, ma anche i piani di risposta del governo come il piano di risposta della Giordania e il piano di risposta alla crisi del Libano.

L’impegno delle risorse/ fondi di emergenza per mitigare il disagio

■ Dal 2012, meno del 3% della popolazione di rifugiati siriani è stata reinsediata in paesi ricchi che hanno firmato la Convenzione sui rifugiati del 1951, una percentuale complessiva che non è cambiata negli ultimi 12 mesi.

■ Percorsi complementari come le borse di studio dei paesi terzi e il ricongiungimento familiare sono altre vie di migrazione che potrebbero non concentrarsi necessariamente sulla vulnerabilità ma su altri criteri che potrebbero qualificare un rifugiato per l’ingresso in un paese terzo. I rifugiati continuano ad avere barriere legali, amministrative e pratiche nell’accedere a percorsi complementari.

■ Non è sicuro per i rifugiati o gli sfollati tornare in aree con alti livelli di contaminazione. I residui di guerra esplosivi (ERW), mine terrestri e IED, comprese le mine terrestri improvvisate, rappresentano una minaccia fisica immediata per i civili, limitano l’accesso sicuro ai servizi e impediscono la consegna di aiuti umanitari.

■ I rifugiati con disabilità che necessitano di servizi di riabilitazione sono di particolare interesse per HI poiché non possono accedere a questi servizi in molte aree della Siria e sono già molto vulnerabili nei paesi limitrofi a causa degli ostacoli all’accesso ai servizi sanitari. gli effetti delle condizioni meteorologiche avverse che impediscono il miglioramento delle condizioni di vita complessive nei campi per sfollati interni in Siria.

■ Riconoscere le crescenti esigenze nei campi di sfollati interni in Siria e assicurare / richiedere l’accesso alla comunità umanitaria per fornire servizi di base;

■ Riconoscere che molti rifugiati non possono o non potranno tornare in Siria, a causa di timori fondati di persecuzione o di altri motivi;

■ Impegnarsi in un obiettivo specifico e misurabile per aumentare il reinsediamento o altre forme di ammissione umanitaria di rifugiati

;■ Offrire percorsi complementari per assicurare percorsi sicuri e dignitosi alla sicurezza per consentire ai rifugiati siriani di accedere a UE, Regno Unito, Stati Uniti, Canada e Australia;

■ Supportare i rifugiati attraverso la fornitura di fondi e assistenza prima e dopo la partenza dai paesi di primo asilo, compresi tasse, trasporti, sussistenza e altri impegni sociali / comunitari.

■ Lavorare a stretto contatto con altri attori umanitari per garantire che i rimpatriati spontanei con esigenze specifiche legate all’età, al genere, alle lesioni e alla disabilità ricevano la protezione, le informazioni e i servizi necessari per sostenere il loro ritorno volontario in dignità e sicurezza.

■ Garantire che i rifugiati e gli sfollati siano invitati a partecipare in modo significativo alla pianificazione umanitaria e all’attuazione di qualsiasi politica di rimpatrio.

Fatti e cifre

Le condizioni di vita in Siria sono terribili. Per il 2018, l’ONU ha stimato che:

■ 13,1 milioni di persone hanno bisogno di aiuto umanitario, di cui 10,5 milioni che hanno un urgente bisogno di cibo salva-vita e di auto-sostentamento, assistenza all’agricoltura e al sostentamento

■ 1 su 3 persone sono insicure, i prezzi del cibo  sono aumentati per l”800% rispetto ai prezzi pre-crisi e il 90% delle famiglie in Siria spendono più del 50% del proprio reddito annuale per il cibo

■ 5,3 milioni di persone vivevano in rifugi inadeguati.

■ Si stima che 10,2 milioni di persone siano esposte a rischi di esplosione.